Si dice che chiunque sia degno di una seconda possibilità. L’importante è saperla sfruttare al meglio. C’è anchi chi, come Carmelo Anthony, la sua seconda chance se l’è conquistata da solo. Il suo successo è la naturale conseguenza del suo grande amore per il basket…

Una carriera da montagne russe

La vita cestistica di Melo non è mai stata “una linea retta”. Classe 1984, ha partecipato a quattro Olimpiadi, con ben tre medaglie d’oro e pure il titolo di miglior marcatore della storia della nazionale a stelle e strisce. Scelto alla N.3 al Draft NBA del 2003 (lo stesso di Lebron James, prima scelta assoluta), a Denver diventa immediatamente una stella della squadra. Nella stagione 2008/09 arriva sino alla finale di Conference ma viene fermato dai LA Lakers. Dopo otto anni ai Nuggets, dichiara di voler andare ai Knicks e così avviene. Inizia così una lunga relazione d’amore e odio. Ha New York nel cuore ma non riesce a trascinare la squadra a livelli importanti. Nel 2017 se ne va a OKC. Male, malissimo. Seguono fugaci apparizioni con Atlanta, Houston e Chicago. Gioca la sua ultima gara ufficiale l’8 novembre 2018 (due punti). La fine, triste, di un cannoniere straordinario? Così pare, almeno per un anno… Il 19 novembre 2019 firma un contratto di 10 giorni con Portland. La sua seconda chance nella vita cestistica (forse sarebbe più corretto dire la duecentesima). Questa volta Melo fa il Melo. Ritrova fiducia in se stesso e ricomincia a segnare come ha sempre fatto… Entra nella Top 15 dei migliori marcatori di sempre nell’NBA…

Adesso sono in pace con me stesso. Onestamente, dopo l’esperienza a Houston, mi ci è voluto un po’ per recuperare mentalmente, psicologicamente, per ritrovarmi. Se mi guardi giocare ora, ho un’energia diversa, delle sensazioni diverse. Prendo le cose un giorno alla volta

Mancherebbe solo la ciliegina

Nella carriera di Melo manca solo la classica ciliegina sulla torta. Cosa? Ovviamente l’anello NBA. Impossibile? Quando si parla di Carmelo Anthony, la parola “impossibile” non ha cittadinanza. ha stupito così tante volte, potrebbe riuscirci ancora…