L’Olimpia perde il recupero con lo Zenit. A San Pietroburgo, davanti a 3070 spettatori, Milano si arrende alla squadra dell’ex Arturas Gudaitis, fallendo così la possibilità di conquistare il secondo posto, in solitaria, nella classifica dell’Eurolega.

Un vero peccato…

Un vero peccato. L’Olimpia Milano si ferma sul più bello. La ghiotta occasione di portarsi ad una sola vittoria di distanza dal Barcellona capolista sfuma a San Pietroburgo. La squadra di coach Ettore Messina paga percentuali al tiro da tre decisamnete negative (6/21) e tante disattenzioni difensive. Mancano all’appello giocatori fondamentali per il gioco biancorosso come Gigi Datome e Malcolm Delaney. Coach Ettore Messina paga anche le assenze di due uomini importantissimi come Zach LeDay e Jeff Brooks (entrambi infortunati). La gara si decide nell’ultimo periodo. Milano perde qualche pallone di troppo e viene infilata dal duo Gudaitis-Pangos che spezza l’equilibrio e manda al tappeto i biancorossi.

È stata una partita tra due buone squadre che giocano in modo molto fisico. Credo che la partita sia stata l’esatto contrario di quella di Milano, lì il quarto quarto lo avevamo fatto meglio noi, qui l’hanno fatto meglio loro. Negli ultimi dieci minuti non siamo stati abbastanza precisi su ambedue le estremità del campo

Rialzare subito la testa

Fondamentale riprendersi immediatamente. Giovedì, al Forum di Assago, arriva il Khimki. L’Olimpia è chiamata al pronto riscatto per dimenticare immediatamente la negativa sfida in quel di San Pietroburgo. Tornare a vincere per continuare la corsa in Eurolega e presentarsi alle Final Eight nella miglior posizione possibile. Coach Ettore Messina sa cosa serve per azzerare tutto e pensare alla prossima sfida…

Queste le pagelle del match:
ZENIT SAN PIETROBURGO: Rivers 6, Zakharov 5,5, Pangos 8, Hollins 6, Thomas 7, Baron 7, Zubkov 6,5, Poythress 7, Ponitka 7, Gudaitis 8. All. Pascual 7
OLIMPIA MILANO: Punter 6, Micov 5, Roll 5,5, Rodriguez 5,5, Tarczewski 5, Delaney 4, Shields 6,5, Hines 6, Datome 4. All. Messina 5